6a tappa della CUP RACE LAZIO dell’UPN Unione Piste Nazionale

Un altro corso della Giokart Racing School Italcorse
3 giugno 2016
6° GP Ohvale Rental Master: in 10 a giocarsi il titolo. Spostata a Sabato 24 Settembre
12 settembre 2016

6a tappa della CUP RACE LAZIO dell’UPN Unione Piste Nazionale

L’Estate è praticamente finita, ma la festa è appena iniziata!

ENDAS U.P.N. Torna in pista e stavolta lo fa sul Circuito Internazionale di Aprilia, per la 6a tappa della CUP RACE LAZIO.
Siamo al giro di boa e U.P.N. Può ritenersi già ampiamente soddisfatta dei risultati ottenuti e anche in questa occasione i piloti non sono mancati all’appello. Inoltre fa ben sperare la prevalenza di bambini che riempiono sempre più le griglie delle classi 50cc e 60cc. Sono dati che U.P.N. Tiene a registrare e che monitora gara dopo gara. La presenza di bambini è sempre un elemento positivo per il Karting Nazionale e per la missione di ristrutturazione di esso in cui U.P.N. Si è lanciata sin dalle origini.

Anche se il periodo post-vacanze è abbastanza “drammatico”, la risposta degli appassionati si è dimostrata positiva e la domenica si è colorata di gare emozionanti e divertenti.
Più pesante è stata la presenza del caldo estivo, poco gentile nei confronti di staff e concorrenti, che ha fatto da protagonista per l’intera durata della manifestazione.

Ma vediamo chi sono stati i protagonisti dell’evento.

Stoyanov fa segnare il giro più veloce durante le qualifiche della 50cc Top Comer. Il pilotino di casa deve però vedersela con Marcoccia, che partito dalla 4a posizione, fa sue ambedue le gare. Buona anche la prestazione di Mastronardi, 1° per buona parte di Gara2 ma poi costretto a cedere la posizione ai due protagonisti.

Sul podio Marcoccia è il vincitore; 2° Stoyanov; 3° Mastronardi.

Nella 60cc S.Baby Salvatori del Team “ITALCORSE” ottiene l’ennesima pole position, ma stavolta stupisce tutti e vince anche le due gare, conquistando la vittoria di giornata e concretizzando una crescita agonistica notevole.

Olivieri, leader del campionato, contiene e conquista il piazzamento d’onore, dopo due belle gare. 3°Proietti.

Zamboni è il poleman della 60cc S.Mini. Al suo fianco si schiera Emanuele Severa.

Al via di Gara1 le posizioni di testa restano invariate mentre Ferrazano scavalca Astone. Dopo alcuni giri Severa tenta l’attacco su Zamboni, ma gli va male, perde tempo e Ferrazzano ne approfitta per tirare la staccata del sorpasso. Il trenino composto da Zamboni, Ferrazzano, Severa, Astone e Messina (in grande crescita e autore del miglior tempo della gara) si avvia verso l’ultimo giro. Ferrazzano prova gli ultimi tentativi disperati ma Zamboni non lascia un metro all’avversario. La gara sembra finita. Zamboni sul rettilineo d’arrivo si sposta all’interno mentre Ferrazzano mantiene la linea e arriva più veloce. L’arrivo è al photofinsh. Si aspettano i riscontri dei cronometristi. Alla fine è Ferrazzano a vincere per 27 millesimi.
Grande entusiasmo per lui, che però non si ripete in Gara 2. Al via il pilota di Nettuno si piazza al comando ma giro dopo gira viene sopravanzato da diversi piloti. La lotta per la vittoria diventa un duello tra Zamboni e Severa che dura sino alla bandiera a scacchi, sotto cui il poleman festeggia il 1° posto e la vittoria di giornata. Completano il podio Ferrazzano e Astone nell’ordine.

Cerrone invece è il vincitore della 60cc Mini. Questi vince in Gara 1 ma non brilla in Gara 2. Poco importa però, la matematica lo premia ugualmente, mentre sul podio salgono con lui Pontarelli e Carraro nell’ordine.

Zuccante torna in Pole Position nella 125cc TAG Under dopo l’amara prestazione di Pescara. Al suo fianco si schiera Bocchino, ma il gruppo non riesce a partire a causa di diverse partenze poco ortodosse. La direzione gara decide di retrocedere la prima fila nelle ultime due posizioni. L’andatura viene quindi fatta da Pentassuglia che parte bene e amministra sino alla fine, conquistando il primo posto di Gara 1. Bocchino recupera e alle ultime battute riesce anche a scalzare Joao Guida e a mettersi in seconda posizione.

In Gara 2 la situazione è meno caotica, ma la bagarre tra i primi due non si spegne: Bocchino sopravanza Zuccante che gli si incolla al paraurti. Quest’ultimo non vuole perdere il contatto con il leader ma mette una ruota sull’erba e finisce inesorabilmente fuori. Bocchino vince così in solitaria mentre il poleman è costretto ad una disperata rimonta che lo condurrà sino al 3° posto.

Sul podio 1° Bocchino; 2° Pentassuglia; 3° Joao Guida.

Ferrara vince nella 125cc TAG Over.

Pettinelli è invece il vincitore della 125cc Rok Jr, davanti ad Ennio Turriziani.

Zaccaria rimane leader della 100cc Unica.

I cugini Peretti sono irragiungibili sul Circuito di Aprilia in quest’occasione. Damiano scatta in Pole e vince Gara 1, mentre Alessandro si aggiudica Gara 2.

Renzo Rocchi non ha rivali tra i piloti della 125cc Patenti Speciali. Molto bella è però la lotta che si accende tra Milano, Patteri e Di Franco. I tre si sorpassano di continuo e danno spettacolo sino alla fine della gara. Quello che offrono è un vero show e ad avere la meglio alla fine è Milano.
Il podio premia su tutti un Renzo Rocchi sempre più veloce e sempre più difficile da battere. Oggi non ha avuto rivale. 2° Milano. 3°Patteri.

Si conclude così la tappa laziale immediatamente successiva alla pausa estiva e ancora una volta si può parlare di numeri e di sport. ENDAS KARTING ed U.P.N. rimane forse l’unica realtà a condurre con costanza campionati regionali che continuano a fare numeri e che possono essere definiti tali.
Ora ci si prepara per la Queen Cup Race di Corridonia che ormai non è più così lontana. E’ il momento di coronare un altro anno di Karting amatoriale e Nazionale.